Torna Fantasmagoria, la web-series che racconta le leggende metropolitane e le storie del folklore macabre realmente accadute, indagando tra le paure per raccontare la nostra società. Continua il lavoro preciso e molto ricercato dei ragazzi di Orefilm, che ci avevano già stupito con la prima stagione della serie e che hanno presentato uno degli episodi più affascinanti (quello natalizio) al primo Drag Me To Fest.

NAQB merch

In questo terzo episodio della nuova stagione, scopriremo le origini dei Gremlins, mostriciattoli che il film di Joe Dante ha reso famosi alla nostra generazione e le leggende che ne sono scaturite, fino ad arrivare alla leggenda nata tra i bikers, anch’essi perseguitati da questi odiosi esseri. L’episodio sorprende con l’inserto, oltre agli elementi docu-fiction già presenti in passato, con parti a cartone animato e scene realizzate con l’IA che denotano la voglia di mettersi alla prova di questo team.

Qui sotto trovate in anteprima il 3° episodio, ma vi suggeriamo di guardare anche gli altri e non perdervi la prima stagione sempre sul loro canale Youtube.

L’autostoppista fantasma – Fantasmagoria seconda stagione

Il prodotto interamente creato da Byron Rink – ovvero Fabrizio Byron Rampotti, musicista, scrittore e filmmaker romano classe 1976 – è alla sua seconda stagione a ancora una volta mescolerà tecnica documentaria e fiction, con ricostruzioni storiche e suggestivi rimandi al cinema orrorifico. Fantasmagoria inizialmente realizzata durante il lockdown con un autoproduzione targata Orefilm e 2000JD Production questa volta è stata prodotta con i fondi della campagna di crowdfunding chiusa con successo a luglio del 2021 sulla piattaforma Ulule.

La serie è disponibile in streaming gratuito su Fantasmagorialaserie, il canale YouTube del collettivo Orefilm.

Gli episodi previsti saranno 4 e affronteranno ricostruzioni singolari di storie tra il leggendario e il reale che appassionano da sempre studiosi e amanti dell’horror:

  • Il Vampiro italiano
  • L’ultimo Titivillus
  • L’autostoppista fantasma
  • Un Teschio maledetto

Tra i nomi coinvolti in questa stagione: Mick Garris (Masters of Horror, Critters 2, I sonnambuli, L’ombra dello scorpione), Lamberto Bava (Macabro, Demoni), Silvia Collatina (Quella villa accanto al cimitero, Il fiume del grande Caimano, Murderock), Claudio Simonetti (Suspiria, Profondo Rosso, Zombi), Ovidio Assonitis (Tentacoli, Chi sei?)


Note di regia:
Sapevamo che la nuova stagione di Fantasmagoria doveva essere più grande e più complessa. Avevamo un budget, ma non così alto da permetterci di fare tutto quello che desideravamo. Ancora una volta è stato un lavoro di cinema artigianale. Ci divertiamo molto in quello che stiamo facendo. Le nuove trame sono nate dalle ricerche che avevo svolto durante la prima stagione, che è stata più personale. In questo caso invece volevo parlare di alcune figure classiche che erano rimaste fuori come il vampiro, i demoni etc. Ovviamente la struttura è rimasta quella dei precedenti episodi, l’intento era integrare diversi topoì dell’orrore per finire a raccontare l’uomo nelle sue complessità. Il terzo episodio contiene echi dei Fantasmagoria precedenti, la storia di Filinnio poteva essere una breve appendice a “Il vampiro italiano”. Dimostra che queste vicende sono come le note musicali, poche ma in grado di dare orgine ad infinite melodie, alcune innovative, altre solo variazioni sul tema. E’ affascinante anche studiare come le urban legend siano in grado di intrecciarsi alla letteratura fornendo spunti per le altre arti. Quando si affrontano questi argomenti bisogna essere analitici e sviscerare fatti storici, antropologici, ha poco senso bollare le leggende come “stupidaggini”, anche perché si può sminuire la portata di qualunque cosa. In questo senso trovo che invece ogni cosa sia necessaria per arricchire il proprio percorso culturale e…per sembrare più interessanti mentre arrostisci dei marshmallow al campeggio con gli amici!
(Byron Rink)